Salgono i prezzi anche per le assicurazioni speciali

Negli ultimi anni, le polizze assicurative per i propri mezzi di locomozione, hanno visto un’impennata dei prezzi alla quale sono seguite crescite proporzionali di truffe riguardanti i tagliandi. Così, se assicurare la propria auto è diventato un peso, dati i suoi costi, le cose non sono diverse nemmeno per l’assicurazione autocarro. Per legge, questi veicoli sono da intendersi strumentali, poiché il loro utilizzo è strettamente confinato all’ambito lavorativo.

Così, assicurare i mezzi di lavoro prevede clausole completamente diverse da quelle presenti nei contratti assicurativi delle auto. Un autocarro infatti trasporta merci o attrezzi da lavoro e nell’abitacolo devono viaggiare soltanto gli addetti al carico e allo scarico, oppure gli operai o i dipendenti di una ditta.

Proprio in base a questi ultimi fattori, le polizze per gli autocarri prevedono generalmente costi aggiuntivi ben più onerosi. Con internet però è facile trovare soluzioni alternative e completamente legali che tutelino il mezzo e i suoi occupanti senza per questo doversi svenare. Per esperienza, tutti gli automobilisti e i camionisti sanno bene che i contratti assicurativi variano da una società all’altra, così anche come i cavilli che fanno parte degli accordi. Spesso, trovare un’assicurazione dai costi irrisori, equivale a mettersi nelle mani di aziende poco serie o che nascondono, all’interno dei propri contratti, delle normative secondo cui vi sono tantissimi fattori affinché la stessa assicurazione non paghi in caso di sinistro.

Anche per quanto riguarda gli autocarri, vi sono dei benefici cari agli automobilisti come quelli della legge Bersani, secondo cui è possibile ereditare la classe di merito di uno dei propri conviventi oppure dei propri familiari. Così facendo, se il capofamiglia ad esempio gode di un’assicurazione la cui classe di merito è 1, anche gli altri membri dello stesso nucleo possono godere della stessa classe da subito, ovvero a partire dalla firma del contratto.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *